#11X05 Ghouli

#11X05 Ghouli
di James Wong
diretto da James Wong


L'indagine su un mostro che ha aggredito due ragazze porta Mulder e Scully vicini a William

E’ notte. Due ragazze entrano, singolarmente, in una nave abbandonata. Entrambe cercano qualcuno di nome Ghouli. Il pavimento della nave cede sotto il peso di una ragazza, che cade nell’ambiente sottostante, dove si trova la seconda ragazza. Quando quest’ultima fa luce con la torcia, a rialzarsi non è la ragazza, ma una creatura mostruosa che la aggredisce. Allo stesso tempo, vediamo la ragazza caduta rialzarsi, e vedere al posto dell’altra giovane la stessa creatura mostruosa. Le due sembrano lottare l’una contro l’altra a loro insaputa.

E’ sempre notte. Scully è a letto, ma non si trova nella sua casa. E’ sveglia, ma non riesce a muoversi. Dietro di lei si intravede una figura incappucciata. Scully riesce ad alzarsi, afferra la pistola sul comodino e la punta contro la figura sconosciuta, che esce dalla stanza. Scully insegue la figura all’interno della casa, ma non riesce a trovarla.

Nell’ufficio degli X-Files, Scully sta raccontando il suo sogno a Mulder. Scully vede sulla scrivania di Mulder una foto della nave abbandonata Chimera, la stessa che ha trovato in una palla di neve nel suo sogno. La foto della nave si riferisce ad un caso ancora aperto, quindi i due decidono di indagare e si recano a Norfolk, Virginia. Sulla strada, Mulder si accorge di essere seguito. Arrivati al relitto della nave, Mulder e Scully analizzano la scena. Le due ragazze si trovano in ospedale, ma sono ancora vive. Il detective del luogo dice ai due agenti che le ragazze hanno nominato Ghouli mentre venivano soccorse. Dal ponte della nave, Scully vede un uomo asiatico che da lontano osserva la scena.

Più tardi, in una caffetteria, Mulder e Scully consultano un sito dedicato a Ghouli, un mostro. In ospedale, i due parlano poi con le ragazze. Entrambe descrivono il mostro da cui sono state aggredite. Le ragazze non si conoscono e sostengono di non essersi incontrate la notte dell’aggressione. Entrambe raccontano di aver fatto lo stesso sogno di Scully. Ed entrambe dicono di avere un ragazzo di nome Jackson Van De Kamp.

Van De Kamp era il nome della famiglia a cui Scully aveva affidato il piccolo William. Per questo motivo i due agenti decidono di scoprire dove abita il ragazzo. Giunti di fronte alla casa del ragazzo, sentono dei colpi di pistola provenire dall’interno. Una volta dentro, Scully riconosce la casa come quella della sua visione. Un uomo e una donna giacciono morti sul pavimento. Viene sparato un altro colpo e i due salgono le scale. Al piano di sopra Scully trova un ragazzo morto.

Più tardi, mentre la polizia locale è giunta per i rilievi, Scully si ritrova a frugare nella camera del ragazzo. Si tratta della stessa camera del suo sogno. Scully trova dei farmaci che solo uno psichiatra avrebbe potuto prescrivere. Sul soffitto della stanza campeggia un poster con una frase di Malcom X: “Il futuro è di coloro che si preparano per esso oggi”. Scully vuole verificare la reale identità di Jackson. Su una mensola si trova una collezione di palle di neve. All’interno di una c’è un mulino a vento ed è visibile la scritta “Non siamo più in Kansas”. Scully prende la palla di neve dalla mensola. All’esterno, Mulder affronta due uomini in giacca e cravatta sostenendo che lo hanno seguito. I due sono molto vaghi e non rispondono alle sue accuse.

All’obitorio, Scully raccoglie un campione della sua saliva e taglia alcuni capelli dal cadavere di Jackson. In quel momento Scully parla al ragazzo, supponendo che si tratti di William, cercando di spiegargli le motivazioni che l’hanno spinta a lasciarlo e gli apre il suo cuore. Scully si commuove e non sente arrivare Mulder. I due si abbracciano. Non appena Mulder e Scully sono usciti dalla stanza, il ragazzo steso sul tavolo dell’obitorio apre la sacca e si alza.

In attesa dei risultati del test, Scully si addormenta sul divano. Quando si sveglia, non riesce a muoversi, e vede la solita figura sconosciuta passarle accanto. Dopo un attimo, Scully riesce ad alzarsi e segue la figura in una delle stanze dell’ospedale. Trova la palla di neve con il mulino a vento, e un attimo prima di vedere la figura sconosciuta alle sue spalle, Scully rivive la visione della fine del mondo.

Il coroner sveglia Scully, questa volta sul serio, per dirle che il corpo del ragazzo è sparito. I risultati del test sono arrivati: il ragazzo è William, così come lei sospettava.

Uscendo dall’ospedale, Scully si scontra con un uomo. Si tratta dello stesso uomo asiatico che aveva visto dal ponte della nave Chimera. Nello scontro, la palla di neve che aveva preso dalla camera di William cade a terra e si rompe. L’uomo si congeda da Scully con una frase criptica: “Non perda di vista il quadro completo”.

Tornata a casa Van De Kamp, Scully sfoglia il diario di William, mentre Mulder analizza il suo notebook. All’esterno arrivano altri agenti. Mulder e Scully cercano nella stanza e trovano un secondo notebook. Su questo, Mulder trova una backdoor ai files del Dipartimento della Difesa. I due uomini che Mulder aveva affrontato in precedenza entrano in casa e dicono di appartenere al Dipartimento di Giustizia. Vogliono sottrarre l’indagine a Mulder e Scully. Sul computer di William, Mulder trova diversi documenti riservati relativi ad un progetto di nome Crossroads.

Skinner e Mulder sono al telefono. Mulder chiede a Skinner di raggiungerli. Al termine della telefonata, scopriamo che l’Uomo che Fuma si trova nell’ufficio di Skinner.

Giunto sul posto, Skinner racconta a Mulder del progetto Crossroads. Il progetto prevedeva la combinazione di DNA alieno e umano ed è stato chiuso quindici anni prima. Il Dipartimento della Difesa è ancora alla ricerca dei soggetti che sono stati sottoposti agli esperimenti previsti dal progetto. Jackson Van De Kamp è uno di quei soggetti.

Scully parla con la psichiatra che aveva in cura Jackson, che non vuole rivelarle i dettagli riguardo i problemi del ragazzo. Cogliendo di sorpresa la donna, Scully le descrive con dovizia di particolari le visioni che affliggevano il ragazzo riguardo la fine del mondo. Erano le stesse di cui Scully era stata vittima in “My Struggle II”.

Mulder crede che siano stati due cecchini, nello specifico, i due uomini che li seguivano, ad uccidere i genitori addottivi di Jackson. E’ inoltre convinto che l’Uomo che Fuma abbia coinvolto Scully nel progetto Crossroads e che William fosse uno dei soggetti del dottor Matsumoto, capo del progetto. Jackson, per fuggire, avrebbe quindi fatto credere a tutti di essersi sparato, così come aveva fatto credere alle due ragazze di aver visto un mostro.

Nella notte, Jackson si reca in ospedale a trovare una delle sue ragazze, confessandole il suo scherzo. Mentre la sta salutando, il ragazzo vede arrivare la polizia fuori dalla struttura. Anche Mulder e Scully sono lì. L’altra ragazza, ingelosita, ha avvertito il detective della polizia.

Mulder e Scully entrano per cercare il ragazzo, così come gli uomini del Dipartimento della Difesa. All’interno dell’ospedale, Jackson inganna questi ultimi facendo comparire di nuovo Ghouli e facendo in mondo che uno spari all’altro. Allo stesso modo, fingendosi un’infermiera, il ragazzo sfugge anche a Mulder e Scully.

Sulla via per l’aeroporto, Mulder e Scully si fermano in una stazione di servizio. Mentre Scully fa il pieno all’auto, l’uomo asiatico, che aveva già incontrato fuori dall’ospedale, esce dalla stessa stazione di servizio. L’uomo dice a Scully che sta partendo per un lungo viaggio, ma prima di andarsene, la saluta con la frase: “Se non scegli per cosa batterti, tutti ti inganneranno”. Mulder, sopraggiunto in seguito, riconosce nella frase una citazione di Malcom X. I due corrono quindi in strada, ma l’auto dell’uomo è già scomparsa.

Mulder e Scully rientrano nella stazione di servizio e chiedono di vedere i filmati della sorveglianza. Il nastro ha catturato la conversazione di Scully alla pompa di benzina, ma al posto dell’uomo asiatico, nel video si vede William parlare con Scully.

 
Attori Protagonisti
DAVID DUCHOVNY - Agente Speciale Fox Mulder
GILLIAN ANDERSON - Agente Speciale Dana Scully
MITCH PILEGGI - Walter Skinner

Attori Co-Protagonisti
Miles Robbins - William / Jackson 

Trasmesso la prima volta in TV
USA 31/01/2018
Italia 26/02/2018
11X05 Ghouli #20
222 click
11X05 Ghouli #19
260 click
11X05 Ghouli #18
238 click
11X05 Ghouli #17
256 click
11X05 Ghouli #16
233 click
11X05 Ghouli #15
248 click
11X05 Ghouli #14
381 click
11X05 Ghouli #13
619 click
11X05 Ghouli #12
290 click
11X05 Ghouli #11
387 click
11X05 Ghouli #10
368 click
11X05 Ghouli #9
291 click
11X05 Ghouli #8
296 click
11X05 Ghouli #7
219 click
11X05 Ghouli #6
253 click
11X05 Ghouli #5
270 click
11X05 Ghouli #4
279 click
11X05 Ghouli #3
228 click
11X05 Ghouli #2
237 click
11X05 Ghouli #1
225 click
"Ghouli" ha bisogno di te!
Purtroppo non siamo ancora riusciti a trascrivere questo episodio.
Vuoi provare a farlo tu? Fantastico!
Ti basta inviare una mail all'indirizzo beyondtheseait@gmail.com e ti spiegheremo cosa fare.
Condividi #11X05 Ghouli
IN BREVE

[William] Se non scegli per cosa batterti, tutti ti inganneranno.


 
STAGIONE 11
 
BOX STAGIONE 11
Compra il cofanetto della stagione 11 di X-Files in DVD

Compra il cofanetto della stagione 11 di X-Files in Blu-Ray
 
STAGIONI E FILM
TRASCRIZIONE EPISODI
Anche tu puoi diventare una parte attiva di Beyond The Sea e contribuire a far crescere la nostra guida ad X-Files aiutandoci a completare le trascrizioni degli episodi.
Collabora con Noi