Hai dimenticato la tua password?

Aiuto!

 
X-Files - Stagione Tre (1995-1996)
 
Riprendendo da Anasazi, The Blessing Way e Paper Clip aprono la terza stagione, introducendo il coinvolgimento di alcuni scienziati nazisti, portando nella storia un membro di primo piano della cospirazione, l'Uomo Distinto (John Neville), e contengono alcune rivelazioni sulle famiglie di Mulder e Scully. Dal punto di vista dell'indice di ascolto, The Blessing Way fu l'episodio di maggior successo fino a quel momento.

Nisei

"Nisei"

La terza stagione conferma l'esistenza della vita extraterrestre nello show e suggerisce che un'organizzazione nascosta internazionale conosciuta come il Consorzio, abbia cospirato con gli alieni la colonizzazione della Terra. La colonizzazione sarebbe possibile attraverso l'uso del cosiddetto olio nero, introdotto nel doppio episodio Piper Maru/Apocrypha. Tuttavia, gli altri episodi mitologici della stagione, Nisei e 731, continuano a trasformare queste conclusioni in domande. Chris Carter inizia a ricevere critiche perchè pone più domande che risposte nella mitologia, mentre gli episodi mitologici vengono elogiati per il loro valore produttivo che si avvicina sempre più allo stile di Hollywood. Nisei riceve un Emmy Award per il suono ed il missaggio.

Nisei inizia il racconto con Mulder che indaga su un video di un'autopsia aliena, e Scully che affronta i possibili effetti del suo rapimento. La terza stagione si fa notare per la grande quantità di episodi del "mostro della settimana". Pusher, la seconda opera scritta da Vince Gilligan, rappresenta il freddo e sanguinario Robert Patrick Modell, un uomo che può controllare le persone con il potere della mente (un seguito, Kitsunegari, arriverà due anni dopo nella quinta stagione). Allo stesso tempo, lo show continua a produrre episodi più oscuri, come The walk (riguardo una misteriosa forza mortale che si manifesta in un ospedale per veterani), Oubliette (una connessione metafisica tra il rapitore di una ragazza e un'altra donna) e Grotesque (la discesa di Mulder nel mondo di un killer posseduto da un gargoyle, che ricevette un Emmy per la fotografia di John Bartley).

Clyde Bruckman's Finale Repose

Peter Boyle, David Duchovny e Gillian Anderson in una scena di "Clyde Bruckman's Finale Repose"

Dietro le quinte, Darin Morgan continua ad essere coinvolto nello show, diventando l'autore di X-Files più acclamato dalla critica. A dispetto del suo perfezionismo e della sua insoddisfazione per il ben accolto Humbug, Morgan torna in tre episodi divertenti ed oscuri che sono considerati originali per lo show. Il primo di questi, Clyde Bruckman's Final Repose, riguarda un venditore di assicurazioni (Peter Boyle) in grado di predire la morte. Vince un Emmy per la miglior sceneggiatura e per il miglior attore coprotagonista (Boyle), e diventa uno degli episodi favoriti dei fan. War of the Coprophages è una parodia-tributo di Morgan a La guerra dei mondi di H.G. Wells/Orson Welles, questa volta con un'infestazione di scarafaggi che portano una città alla pazzia. Mulder e Scully conoscono l'affascinante entomologa Dott.ssa Bambi Berenbaum. Una tecnica simile viene usata anche da Chris Carter nel suo Syzygy, solo una settimana dopo, portando a quello che alcuni spettatori sentirono essere un eccesso di commedia.

La terza opera di Morgan nella stagione, ed il suo episodio finale come autore di X-Files, è Jose Chung's 'From Outer Space', episodio che prende bonariamente in giro la mitologia di X-Files pur rimanendo coerente con essa.  Rob Bowman dichiarò di aver letto lo script di Darin Morgan "15 volte prima di capirlo". Graeme Murray e Shirley Inget vengono nominati per un Emmy per la direzione artistica. Morgan più tardi avrebbe scritto un seguito che coinvolgeva di nuovo lo scrittore Jose Chung (Charles Nelson Reilly), per un'altra serie di Chris Carter, Millenium nel 1998.

Mr. X, interpretato da Steven Williams, viene maggiormente coinvolto dalla seconda alla quarta stagione. L'informatore viene chiamato così dalla simbolo a forma di X che Mulder mette sulla finestra per incontrarlo. Nella primavera del 1996, X-Files inizia a ricevere importanti riconoscimenti. Oltre alle sue otto nominations agli Emmy nella terza stagione, di cui ne vince cinque, viene premiata con un George Foster Peabody Award per essersi distinta nella programmazione televisiva. Entrambi David Duchovny e Gillian Anderson sono nominati per lo Screen Actors Guild Awards per la prima volta, e Gillian vince. Entrambi gli attori sono nominati per i Golden Globe Awards.

Gli attori coprotagonisti della terza stagione includono Jesse Ventura e Alex Trebeck (entrambi "men in black" in "Jose Chung's"), Giovanni Ribisi e Jack Black (in D.P.O., riguardo un ragazzo che controlla i fulmini), Lucy Liu e B.D. Wong (in Hell Money, riguardo misteriose e mortali eventi in una comunità di immigrati cinesi), J.T. Walsh (in The List,
Quagmire

Mulder e Scully nella famosa "conversazione sulla roccia" in "Quagmire"

riguardo la reicarnazione di un prigioniero giustiziato a morte), e R. Lee Ermey (in Revelations, riguardo un ragazzo con le stimmate, il primo di diversi episodi che ha a che fare con la fede cattolica di Scully). Black, Ribisi e Liu non erano ancora conosciuti all'epoca in cui fecero la loro apparizione ad X-Files. Dave Grohl fa un cameo in Pusher. La sua band rock, i Foo Fighters, è fan dello show, ed ha contribuito con alcuni brani per l'album Songs in the key of X, uscito quella primavera. Contribuiranno anche alla colonna sonora del film due anni dopo.

La parte finale della stagione ci porta l'episodio Avatar (il primo episodio incentrato sul vicedirettore Skinner di Mitch Pileggi, che viene punito dal Consorzio per i suoi continui aiuti a Mulder e Scully), Quagmire (riguardo un mostro in un lago; la famosa "conversazione sulla roccia" tra Mulder e Scully fu aggiunta allo script da Darin Morgan come il suo ultimo contributo a X-Files), Wetwired (un episodio riguardante una cospirazione che inviava messaggi subliminali nelle trasmissioni tv), ed il finale di stagione Talitha Cumi in cui viene introdotto Jeremiah Smith (Roy Thinnes), un alieno con poteri di guarigione. Il finale ha una trama complessa, legando il passato della madre di Mulder a quello dell'Uomo che Fuma. La scena in cui Jeremiah Smith parla in carcere con l'Uomo che Fuma, prodotta dagli autori Chris Carter e David Duchovny, è direttamente ispirata al capitolo "Il grande inquisitore" dai "Fratelli Karamazov" di Dostoevsky.

L'episodio termina ancora con un finale aperto che verrà poi ripreso nei primi episodi della quarta stagione.
 
X-Files: Storia della serie