X-Files, l'intelligenza artificiale nell'episodio 11x07

Assenza di dialoghi, parole rivolte principalmente a strumenti tecnologici: nell'undicesimo episodio di X-Files Mulder e Scully non girano intorno alla questione. Stiamo abusando della tecnologia e perdiamo di vista ciò che conta davvero.

Non avrebbe potuto essere collocato in un punto migliore, questo episodio di X-Files sui rischi della tecnologia, la depersonalizzazione, la morte - lenta e graduale - del contatto umano. A questo punto dell'undicesima stagione, è come la proverbiale ciliegina sulla torta. Chris Carter e Glen Morgan ci regalano un episodio da manuale.

Un episodio che contiene tutte le idiosincrasie della società contemporanea, che ammonisce su tutti i rischi delle tendenze attuali e che ci dice, senza mezzi termini, che la tecnologia deve restare al servizio dell’uomo, e non cambiarlo. Fra citazioni fantascientifiche classiche e rielaborazioni originali, X-Files confeziona un episodio in cui - non a caso -i dialoghi sono pressoché assenti.

Si parla poco, pochissimo e, se lo si fa, ci si rivolge a smartphone, impianti di domotica, tassisti virtuali. Non si parla più fra esseri umani: Mulder e Scully stanno bene attenti a non rivolgersi la parola, sostituendo le interazioni con gesti eloquenti e tecnologia. Scattandosi foto e ridendo dei commenti e degli hashtag. Valutandosi l’un l’altro in situazioni degne di essere postate sui social network.

Conto alla rovescia per Mulder e Scully

Tutto comincia con la questione della mancia per gli chef virtuali del Forowa, il ristorante giapponese deserto e completamente automatizzato in cui Mulder e Scully cenano insieme… Senza mai parlarsi. Giustamente scontento del mostruoso pesce “umanizzato” con tanto di naso che gli viene servito, Mulder non ha modo di lamentarsi: non c’è nessuno.

Per giunta, la sua carta di credito viene trattenuta dal sistema automatico per il pagamento. Una recensione negativa evitando di lasciare la mancia è l’unico strumento che Mulder ha per esprimere il proprio dissenso. Ma sta per costargli molto caro… Perseguitati dalla tecnologia - fra auto con il pilota automatico che corrono come in formula uno e sistemi GPS che ti riportano al punto di partenza per farti lasciare la maledetta mancia - Mulder e Scully diventano protagonisti di un incubo tecnologico che, come già accennato, omaggia un'infinità di classici del genere.

Dai piccoli e temibili “ragni” meccanici di Runaway (del lontano 1984) alla fabbrica del primo Terminator, passando dall’indimenticato e indimenticabile Hal9000 (2001: Odissea nello spazio), forse la più celebre intelligenza artificiale ribelle prima dell’avvento di Skynet, questo episodio di X-Files colleziona citazioni ma soprattutto problemi quotidiani.

Una lotta continua

Prima che la situazione precipiti, infatti, questo grido contro la mancanza di comunicazione proprio nell’era di comunicazione ci mostra tutti gli inconvenienti che la tecnologia ci sottopone quotidianamente. Rallentando le nostre attività, a volte, o semplicemente facendoci innervosire.

A chi non è capitato che un sito non riconoscesse nome utente e password, impedendoci l’accesso, nonostante i dati digitati fossero corretti? Chi non ha avuto qualche problemino con gli aspirapolvere robot - io non posso più farne a meno, ma proprio “intelligenti” non potrei definirli - che fanno qualche danno? E ancora: lo smartphone che non funziona, il risponditore automatico che continua a far cadere la comunicazione, il pagamento elettronico che crea problemi… Ce n’è per tutti noi, e per tutti i giorni.

Proprio da qui, dalla nostra lotta continua con strumenti che avrebbero dovuto limitarsi a semplificarci la vita - e che lo fanno, questo è indubbio, ma non si limitano a questo - parte la scalata verso la denuncia di Chris Carter e del team di autori di X-Files. La domotica gestisce interamente le nostre case, ma cosa succederebbe se andasse in tilt e i sistemi d’emergenza non funzionassero? Come potremmo rispondere a un “attacco” di droni che ci spiano e ci seguono dovunque? Facile: avremmo la peggio.

Spiati e perseguitati

Un elemento ricorrente dell’episodio di X-Files, che poi diventa anche il centro nevralgico della narrazione quando viene riconosciuto come causa scatenante della ribellione tecnologica, è la continua richiesta di valutazioni. Non appena accedi a un servizio, quello stesso servizio ti invia un messaggio per chiederti una recensione, l’assegnazione di un punteggio o la condivisione su un social per fare pubblicità alla tua cerchia di conoscenze.

Paradossalmente, tali richieste sono diventate così pressanti da aver tralasciato il loro stesso scopo: accontentare il cliente. Non ci importa migliorare il nostro servizio: vogliamo solo che tu ci lasci una valutazione positiva. Esasperando situazioni ed elementi reali, Mulder e Scully si trovano di fronte droni che consegnano pacchi (realtà già in diverse parti del mondo), auto che guidano da sole (anch’esse esistenti), impianti che controllano ogni possibile elemento nell nostre case (ancora una volta, tecnologia già diffusa).

Spiati, pressati da costanti richieste d’attenzione per le valutazioni e controllati in stile Grande fratello per qualsiasi traccia che lasciamo, Mulder e Scully siamo noi.

Noi, che ignoriamo le persone care e vicine per postare una foto su Instagram.

Noi, che pensiamo solo a un commento spiritoso per un social anziché a una parola di conforto da dire a qualcuno.

Noi che recensiamo, votiamo, compriamo, seguiamo e ammiriamo tutto il mondo con un telefono portatile.

Noi. Noi che, tornati con i piedi ben piantati nel mondo reale - all’interno di una chiassosa tavola calda con cameriere, cibo e denaro veri - dovremmo fare come Scully e come Mulder.

Dovremmo capire quand'è il momento di smettere di guardare internet eprendere la mano di chi ci sta accanto. Dovremmo scegliere di dedicare la nostra attenzione alle persone che sono davvero con noi, mettendo il telefono a faccia in giù giusto per il tempo di stare insieme.

Insieme davvero.

 
 
FONTE: FOX (ITA)

 

articolo visto 165 volte
Condividi 'X-Files, l'intelligenza artificiale nell'episodio 11x07'