RFF: Melissa George presenta Hunted, la nuova serie tv firmata Spotnitz

Oggi è partito il Roma Fiction Festival con l’anteprima dell’attesissima spy story Hunted, creata da Frank Spotnitz e interpretata dall’australiana Melissa George. La serie ideata dal celebre sceneggiatore di X Files, è un prodotto europeo che avrà visibilità mondiale.  Spotnitz ha lavorato sempre sul genere di storie action – thriller e in questa occasione si riadegua alla contemporaneità e al mondo delle agenzie investigative private. La protagonista Sam Hunter, esperta agente sotto copertura per un’agenzia di intelligence subisce un attentato.  Ha un ruolo molto forte e fisico, per il quale l’attrice ha fatto un training reale della durata di diversi mesi.  Questa serie tv presenta un forte legame con la realtà ed è basata su un modello cinematografico. La protagonista Melissa George che abbiamo visto recentemente in altre serie tv di successo come Grey’s Anatomy (in cui era la Dr. Sadie Harris) e il successo dell’HBO In Treatmentha incontrato la stampa poche ore fa per raccontare questo suo nuovo lavoro che la vede in dei panni completamente diversi e nuovi rispetto ai personaggi precedenti.

1) Che tipo di lavoro hai fatto per prepararti a questo personaggio?

Melissa George: Grazie mille di avermi invitato. Per interpretare Sam Hunter hanno scelto un’ attrice australiana. Io vivo a New York e quando il mio agente mi ha chiamato e mi ha detto che aveva trovato il ruolo della mia vita ero entusiasta. Ho  girato la scena nell’ appartamento in cui faccio vedere la cicatrice sull’addome e mi sono sentita subito in sintonia con Sam.  Mi piace l’azione, e il fatto che si girava in Europa… ho aspettato tre mesi per avere la risposta del provino ma ero così convinta di essere io Samantha. Ero sicura di avere la parte ed ero innamorata di questo personaggio. Ho fatto sette mesi di addestramento e allenamento rigoroso. Sono io nelle scene di combattimento e a Londra ho imparato  la stessa tecnica che usano Batman e James Bond.  E’ stata una grande sfida per me. Alla base c’è la vendetta ( a 8 anni gli uccidono la mamma davanti agli occhi). Sam caccia ed è cacciata.

2) Complimenti. Questo ruolo è un grosso cambiamento per te?

Melissa George: Sì, ma quando fai l’attrice sei attirata da varie cose a seconda del momento della tua vita. Con questa serie abbiamo fatto qualcosa di cinematografico per la tv. E’ stata dura. A volte la vita dell’attrice è dura…sei sempre in giro, lontano dalla famiglia, fisicamente questa è stata un’esperienza tosta, ma è il ruolo migliore che abbia mai fatto e mi ha caricato. E’ stato faticoso ma piacevole.

3) Visto questa serie di gialli che ha invaso la programmazione di Sky, punterete anche su programmazioni italiane prossimamente, anche se il livello di azione non è proprio lo stesso? 

Flavio Natali: Tornerà Homeland, poi anche alcune serie italiane. Per esempio una ispirata a Gomorra con Saviano, poi Diabolik, un In treatment all’italiana con Castellitto, e una ispirata ai libri di Marvaldi chiamata Barlume. E poi ovviamente la terza stagione di Broadwalk Empire all’inizio del 2013.

4) Ha mai praticato arti marziali nella vita? Altri tipi di sport?

Melissa George: sì, molte arti marziali. Ma sono cresciuta in Australia e a 5 anni ero campionessa di pattinaggio su ruote. Volavo, saltavo, facevo giravolte e a 14 anni ho fatto diversi campionati, anche in Italia. Poi a 15 anni mi hanno portato in un programma tv, poi Muhlolland Drive … e poi la mia carriera ha fatto progressi con 30 giorni di buio, Grey’s anatomy… spero che questa serie piaccia agli italiani così posso tornare in Italia e mangiare le fettuccine Alfredo ( sono stata ieri sera e ho pensato che potevo morire felice anche in quel momento).

4) Alla fine degli 8 episodi c’è una seconda serie o no?

Melissa George: Sì, abbiamo girato i primi 8 episodi e Frank sta macinando già i nuovi episodi. Ho girato il finale, è interessante e brillante per qualcosa che viene svelato del mio personaggio. Ci sono molti finali non completati e li scopriremo nella prossima stagione. Sam agisce sotto copertura e cerca di scoprire il responsabile della morte della madre e altri misteri. La storyline principale comunque è il viaggio personale.

6) L’esperienza con Frank Spotnitz?

Fantastica.  L’ America è fantastica per la velocità, i promo, trailer etc… in Europa invece c’è la qualità, lo stile…si ha il ritmo americano con la classe degli europei. Tutto molto bello.

 
 
FONTE: News Cinema (ITA)

 

articolo visto 923 volte
Condividi 'RFF: Melissa George presenta Hunted, la nuova serie tv firmata Spotnitz'