British spy

Il RomaFictionFest inaugura lo spazio dedicato alle anteprime con la proiezione del pilot di Hunted, complesso spy targato BBC

Dopo il colpo di grazia inflitto dalla terribile Missing, a restituire dignità e colore al genere spy sul piccolo schermo ci pensa Hunted, produzione britannica creata e sviluppata da Frank Spotnitz (X Files) che inaugura lo spazio dedicato alle anteprime straniere del RomaFictionFest.

Sam Hunter (Melissa George), specializzata in missioni sotto copertura per conto di un'agenzia di intelligence privata, sopravvive ad un attentato organizzato da qualche membro della sua squadra. Un colpo basso che la costringe a far perdere le sue tracce per un lungo periodo. Almeno finché non si sentirà pronta fisicamente e psicologicamente a rientrare in servizio e a far luce sull'intrigo che l'ha collocata nella scomodissima posizione di bersaglio.

Quel giorno arriva e, sfidando i sospetti incrociati del suo superiore e dei colleghi, Sam si ripresenta a lavoro senza uno straccio di spiegazione sull'assenza e riceve l'incarico delicatissimo di indagare sugli affari di un losco milionario. La missione ancora una volta esige che la donna si infiltri nella vita domestica di questo squalo come istitutrice del suo infelice nipotino.

Lavorare sotto copertura affianco ad un uomo sanguinario e privo del minimo scrupolo morale è già di per sé un'operazione complessa e pericolosa, se a questo aggiungiamo l'handicap grave di una mela marcia nella squadra, è facile intuire che Sam può serenamente dichiarare di aver visto tempi migliori.

Con una trama ricca di doppi fondi e paranoie, Hunted genera un pilot che, dopo una partenza non troppo efficace in Marocco, spicca il volo nel silenzio di una sperduta campagna scozzese, in cui la protagonista va a leccare le proprie ferite.

In questo clima nordico e ostile si mette in umido per un attimo il plot per dedicarsi alla protagonista e indirizzare su di lei l'empatia del pubblico che cresce insieme al suo impegno nel mettere a tacere ogni sentimento che possa averla esposta. Dopo questa pausa, la trama si tuffa in modo molto più composto in una nuova missione a lungo raggio.

Lo stop narrativo la dice lunga sulle intenzioni della serie e sulla sua provenienza. La foga, gli inglesi preferiscono lasciarla agli action americani. Così come la fotografia patinata e gli stuntmen. Qui ci si muove con rigore e con rigore si guida lo spettatore nella condizione di isolamento in cui vive Sam mettendo a nudo il suo volto tormentato da fantasmi del passato destinati a tornare in visita...

Hunted, che verrà presentata al pubblico dell'Auditorium di Roma, il 2 ottobre alle 22:30 in sala Studio 2, verrà trasmessa regolarmente da SkyUno HD a partire da dicembre.

 
 
FONTE: FilmIT (ITA)

 

articolo visto 908 volte
Condividi 'British spy'