BORN IN UK - La tensione di The Fall

Partita da poco in Gran Bretagna su BBC, The Fall è una grande serie thriller che scava nella singolarità e nella normalità dei suoi personaggi. Indiscussa protagonista è Gillian Anderson.

The Fall è un Dexter in versione irlandese? A volerlo bollare così, alla buona, sì. È infatti la storia di un serial killer insospettabile, niente di più, niente di meno. Fin da subito sappiamo chi è. Sappiamo che è lui. Il giochino thriller proposto non è allora quello di indovinare chi è l’assassino, che ormai non è più il maggiordomo come nei buoni vecchi gialli di una volta, bensì quello di aspettare che venga beccato, o che perlomeno qualcuno si renda conto che non è una persona normale. È un pazzo omicida. Dopo il social killer Joe Carroll, The Fall ci propone allora un’altra figura di assassino singolare: Paul Spector (l’ottimo Jamie Dornan) è sposato, ha due figlioletti, una vita apparentemente normale. Perché allora a un certo punto si mette a uccidere? Per ammazzare (letteralmente) la routine? O come rimedio alla crisi di mezza età? È questo il vero grande mistero della serie.

Sulle tracce di questo pericoloso stalker e killer di fanciulle si mette l’agente Gillian Anderson la quale, dopo aver investigato per anni i casi più paranormali e assurdi della tv a fianco di David Duchovny in X-Files, ritorna a condurre indagini su un caso più tradizionale ma non per questo meno intrigante e misterioso. Un caso tradizionale? Si tratta quindi di una serie crime investigativa classica? In parte sì. Niente di troppo nuovo sotto il sole, anzi sotto le nuvole di Belfast. In parte no. Una delle cose che colpisce maggiormente di questa serie britannica appena partita su BBC è proprio l’ambientazione di Belfast, capitale dell’Irlanda del Nord. Non la solita Londra. Un elemento che intriga e che tiene incollati allo schermo è poi la tensione. Lo so, non è un elemento che dovrebbe essere considerato nuovo o imprevisto, in una serie thriller. Peccato che la gran parte delle serie thriller in circolazione, come le ultime sonnacchiose e prevedibili stagioni di Dexter, si siano proprio dimenticate di questo elemento: la tensione.

The Fall fa restare seduti tesi davanti allo schermo, non permette di spaparanzarsi tranquilli sul divano. Se siete alla ricerca di una serie chill-out, da svacco, meglio allora se la mettete da parte. Se invece siete a caccia di una serie killer che vi lasci inquieti, che vi tenga sulle spine, non dovete perdervi The Fall. E potete anche cominciare ad affezionarvi ai suoi personaggi; visti i clamorosi ascolti ottenuti in Gran Bretagna dalla prima puntata, è infatti molto probabile la conferma per una seconda stagione. Nel frattempo godetevi i cinque episodi di questa prima mini stagione (i britannici, si sa, sono fissati con le serie brevi). Anche se godersi non è il verbo più giusto. The Fall, più che farvi godere, vi ammazzerà dolcemente con la sua tensione costante.

 
 
FONTE: Ed è subito Serial (ITA)

 

articolo visto 969 volte
Condividi 'BORN IN UK - La tensione di The Fall'