Babylon: il genio e la pazzia di Chris Carter

The X-Files: Babylon

Sono da sempre una fan di Chris Carter. Il destino ha voluto che il primo episodio di X-Files che abbia visto in vita mia fosse Duane Barry. Sarà forse questo il motivo. Devo aver ricevuto il suo imprinting immediatamente, senza neanche rendermene conto.

Chris Carter è un profondo osservatore della società moderna, una persona di scienza, per sua stessa ammissione, ma che ciò nonostante continua sempre a porsi domande e riflettere sui molteplici argomenti che non possono essere spiegati tramite la conoscenza scientifica.

Questo suo modo di essere trova in X-Files la sua massima espressione. Fin dalla prima stagione le storie raccontate nella serie hanno sollevato molte domande e portato poche risposte. Non è compito di uno scrittore, o di un autore televisivo in questo caso, fornire risposte, ma piuttosto il contrario, cioè continuare a porre domande.

Chris Carter lo ha sempre fatto. Le sue storie ci invitano sempre alla riflessione, ci offrono spunti, idee, punti di vista nuovi, magari inaspettati, e molto interessanti. Non esiste storia di X-Files che non sia così.

In Mulder e Scully, Chris Carter si è costruito due strumenti perfetti per fare tutto questo. Scienza e Fede. I due opposti per antonomasia che difficilmente trovano punti di incontro, ma non per questo smettono di tentare. Perché è solo attraverso il confronto degli opposti che nascono pensieri e riflessioni, e solo così si può trovare la soluzione ai grandi e piccoli interrogativi della vita. La verità è relazione, ha detto una volta un amico del nostro sito.

"Babylon", il quinto episodio della nuova stagione di X-Files, non fa eccezione. Si tratta decisamente di un episodio spiazzante, molto fuori dagli schemi per i metodi narrativi di Chris Carter, e senza dubbio destinato a far discutere.

Il mostro della settimana, questa volta, è uno dei più grandi mostri del nostro tempo. Siamo ormai abituati da parecchio a vedere entrare il terrorismo nelle serie tv, ma nessuna, a mia memoria, aveva mai tentato un approccio del genere. Chris Carter sceglie di raccontare questa grande ed attuale paura incastonandola tra funghi allucinogeni, nuovi agenti dell’FBI, ritorni di personaggi amatissimi, citazioni di dialoghi che hanno fatto la storia della serie e un finale pieno di luce, amore e speranza per Mulder e Scully.
Solo lui poteva permettersi di fare una cosa del genere, perché di Chris Carter ce n’è uno solo.

Il giorno degli attentati a Parigi mi trovavo a Roma, per incontrare Frank Spotnitz al Fiction Fest. Dopo le terribili notizie arrivate dalla Francia, la riflessione che aveva lanciato l’autore nella masterclass a cui partecipava era sostanzialmente la seguente: “Come possiamo rimanere umani in un mondo pieno di inumanità?”
Chris Carter ha risposto al suo amico Frank oggi, in questo episodio. E lo ha fatto affidando queste parole proprio a Scully.

“Forse l’odio finisce là dove è iniziato, trovando di nuovo un linguaggio comune. Forse va oltre le parole. Forse dovremmo aprire i nostri cuori e ascoltare veramente.”

Il momento in cui Frank Spotnitz e Chris Carter, i due “opposti” al banco degli autori, torneranno a lavorare insieme su X-Files non arriverà mai troppo presto.

The X-Files: Babylon finale

X-Files viene ormai da tempo considerato dalla maggioranza delle persone un prodotto sci-fi che tratta storie di alieni, ma in realtà è una serie che riflette sull’animo umano, sui suoi lati più oscuri, pone domande sull’umanità intera ed in sostanza ci mette a confronto diretto con noi stessi come persone. Questo è il motivo per cui X-Files è una grande serie tv ed una vera opera d’arte.

Ma questo è anche il motivo per cui serve più X-Files nella televisione odierna. Tornare a più di vent’anni dal debutto e farlo in questo modo, conservando uno stile unico nel panorama televisivo e rinnovandolo allo stesso tempo, ponendo domande scomode, facendo riflettere vecchi e nuovi fan… non credo che tutto questo venga insegnato in qualche scuola. Tutto questo è semplicemente il prodotto di una mente geniale la cui vita è legata in modo indissolubile a questa magnifica opera.

X-Files parla a chi vuole ascoltare veramente. Se non lo avete mai visto e volete iniziare a guardarlo siete avvertiti. Qui non troverete quasi mai risposte, ma solo domande, e spesso anche le domande sono ben celate dietro il racconto romanzato della storia tra Mulder e Scully o nel mostro della settimana.

Babylon è un esempio eccellente di tutto questo.

Avrei potuto parlare di molte altre cose oggi: la storia di Babilonia, i legami con la Bibbia sempre presenti nella serie, l’introduzione dei due nuovi agenti dell’FBI, le domande sul ruolo della madre nella nostra epoca o l’ultima scena tra Mulder e Scully (…che non si era mai vista una cosa così “illuminata” e soprattutto scritta e girata da Chris Carter… una cosa che il mio cuore shipper deve ancora digerire e su cui potrei scrivere un trattato).
Avrei potuto, ma non l’ho fatto perché sento che in questo episodio c’è molto di più, e sento di aver solo iniziato a scalfire la superficie.

Questo è il motivo per cui, io, sono una fan di Chris Carter e di X-Files.
 


10X05 Babylon

Babylon #13 Babylon #12 Babylon #11 Babylon #10 Babylon #9 Babylon #8 Babylon #7 Babylon #6
 

Vedi la galleria fotografica completa

 



Condividi Babylon: il genio e la pazzia di Chris Carter